Worcester 1° turno

4 luglio 2017

La giornata è iniziata con le lezioni dove abbiamo corretto i nostri test, parlato del cibo e delle abitudini alimentari degli inglesi e della vita famigliare.
Invece nel pomeriggio, dopo aver pranzato nel prato accanto all’università, ci hanno proposto un’attività che comprendeva la divisione in gruppi di tre o quattro persone. L’attività consisteva in un quiz su Worcester. Divisi in gruppi abbiamo percorso le strade della città chiedendo ai passanti le informazioni necessarie per completare il quiz. Per fare ciò dovevamo anche spostarci in alcuni luoghi più importanti, fra cui la cattedrale (la quarta più grande d’Inghilterra). Poi abbiamo consegnato i quiz compilati e dopo un breve giro in centro siamo tornati a casa.

5 luglio

Sveglia alle 7 e 30, rapida colazione all’inglese e ci avviamo verso la fermata dell’autobus in direzione college.
Dopo tre ore di lezione ci aspettano 30 minuti per mangiare e poi si parte per la Tutor House, antico nascondiglio militare diventata poi casa di una nota famiglia reale. La casa è sopravvissuta alla guerra e ora è un “mini-museo”.
Passati circa 20 minuti a piedi siamo finalmente arrivati alla stazione dei pompieri che ci hanno gentilmente mostrato strumenti, attrezzature e uniformi utilizzati in azione.
Durante l’incontro, un pompiere ci ha fatto indossare uniformi e attrezzature per farci sentire nei panni di un pompiere.
La cosa più divertente è stata spruzzare l’acqua verso un altro pompiere con una tuta impermeabile.
Siamo infine tornati a casa nel tardo pomeriggio, stanchi ma felici e soddisfatti.

 

7 luglio

Oggi Sia e Glyn, i nostri insegnanti, dopo la normale lezione mattutina, ci hanno diviso in gruppi e dato un argomento ciascuno. Ogni gruppo doveva scrivere dieci domande sul proprio argomento, per poi fare queste domande a dieci persone a Worcester e elaborare le risposte in una presentazione la prossima settimana. Le persone fortunatamente erano spesso disponibili e pazienti quindi siamo riusciti a fare tutte le nostre domande senza alcun problema.
Abbiamo trovato questo progetto interessante poiché abbiamo potuto non solo esercitare il nostro inglese ma anche scoprire gli interessi e le abitudini dei cittadini di Worcester, che abbiamo notato essere spesso differenti dalle nostre.
La sera invece siamo andati al campus a fare alcuni giochi inglesi e a giocare a calcio e a rounders, una specie di baseball.
È stata una giornata divertente ma stancante.

Alice e Valentina

8 luglio

La giornata comincia con il ritrovo alle 8:45 al Croft Road Car Park, lo stesso della sera dell’ arrivo. Una volta riuniti tutti, alle 9:00 circa, saliamo sul pullman che ci porterà a Cheltenam, per le 10 circa. Una volta in città, dopo una longeva spiegazione del prof. Glynn riguardo i pregi della città, intraprendiamo una camminata non indifferente verso il museo di 3 piani, contenente cimeli appartenenti a diversi periodi storici (1700-1800, fino ad andare al 300 a.C.).  Dopo un’altra avventurosa camminata, abbiamo un po’ di tempo libero per qualche giro in centro a Cheltenam e pranziamo poi  in un parco lì vicino, per poi risalire sul magico pullman, che ci porterà a Tewkesbury, di cui visitiamo la cattedrale e dove si terrà il Medioeval Fair. Questo mastodontico evento, il quale riunisce migliaia di persone, tra spettatori e cosplayer del tardo medioevo. Tra quest’ultimi, molto prendono parte all'”Esercito”, che riprodurrà una scena/battaglia storica, tenutasi proprio tra quei campi. Mentre una voce femminile presenta il tutto e battaglioni marciano davanti alla platea, noi prendiamo posto in quest’ultima. La storia inizia, e dopo una scena iniziale, l’esordio ci presenta schiere di arcieri che scoccano frecce e lunghe file di guerrieri armati in armature luccicanti che incrociano le spade. Verso la fine il gruppo comincia ad avviarsi verso l’uscita, dove rimaniamo però bloccati nella folla. Raggiunto il pullman, ritorniamo al parcheggio e poi ognuno alle proprie host house, per le 18:10 circa.

Emanuele e Tommaso

9 luglio

Ciao, siamo Antea e Emma.
Quella di oggi è stata la giornata libera con le rispettive famiglie.
Per prima cosa siamo andate in Chiesa con la nostra host mum e abbiamo partecipato ad un dibattito a proposito della Comunione e della Cresima.
Abbiamo pranzato a casa con sua mamma, sua figlia e i suoi tre nipotini e ha cucinato piatti tipici inglesi che abbiamo apprezzato. Abbiamo giocato con i bambini e chiacchierato con la sua famiglia molto volentieri.
Abbiamo trascorso una tipica giornata inglese, facendo una passeggiata nel Gheluvelt Park e girando per la città; mentre tornavamo a casa, la host mum ci ha indicato e parlato degli edifici piú importanti e della storia di Worcester.
Alla sera abbiamo cenato con dei sandwich e mortadella portata dall’ Italia come omaggio.
Questa giornata è stata tanto semplice quanto piacevole e rilassante, ci è piaciuta molto.
Ciao a tutti.

Antea ed Emma

10 luglio

Oggi abbiamo avuto una giornata molto piena ma ben organizzata. la mattina abbiamo avuto le solite lezioni con gli insegnanti Glyn e Sia, abbiamo avuto la pausa pranzo e subito dopo ci siamo divisi in due gruppi e siamo andati al Worcester City Art Gallery and Museum. il museo è non è molto grande ma è ben organizzato è tenuto molto bene, con tanto di sala delle Celebrities con i vestiti indossati dalle persone famose compresa una giacca bellissima indossata da Michael Jackson durante un tour. Il museo ha anche una parte dedicata alla II Guerra Mondiale con manichini che rappresentavano le varie fasi della vita di una persona durante la guerra. C’era anche un orologio che era appeso nella casa di Hitler. Dopo la visita al museo abbiamo avuto un po’ di tempo libero dove abbiamo girato in gruppetti per il centro di Worcester. Poi siamo andati al municipio dove il Sindaco, un uomo molto gentile, ci ha accolto con simpatia all’interno del palazzo. Ci ha portati nel suo ufficio e ci ha spiegato un po’ di curiosità su Worcester. Dopo averci fatto vedere diverse sale del municipio e i sotterranei ci ha offerto te e biscotti.
Le accompagnatrici hanno pensato di farci stare a cena fuori visto il poco tempo a disposizione per tornare a casa, cenare e tornare per l’ attività serale. È stato un bel momento di chiacchiere tra di noi. Per l’attività serale siamo andati al Green Bowling dove abbiamo giocato a bocce. È stato divertente anche se io personalmente non ho mai lanciato la boccia vicino boccino. È stata una bella giornata, tranquilla nonostante le molte attività e anche rilassante. 

Elena Romana Busacchi

Foto: City Museum e visita sindaco di Worcester

 

11 luglio

Alle 9 del mattino ci siamo ritrovati, come al solito, presso l’Università di Worcester per svolgere l’abituale lezione mattutina di tre ore (intervallata da una breve pausa). Il tema della giornata riguardava i giovani e le loro abitudini, Internet e ciò che lo riguarda e le mode riguardanti l’abbigliamento.
A nostro parere è stata una lezione più interessante del solito poiché l’argomento, essendo molto vicino a noi, ha suscitato energici colloqui durante i quali, oltre a imparare l’Inglese,siamo anche venuti a conoscenza di cose nuove.
Alle 12.15, finita la mattinata dedicata alle lezioni, abbiamo raggiunto la stazione e circa 20 minuti dopo, Great Malverne, la nostra destinazione.
Purtroppo, a causa delle sfavorevoli condizioni climatiche, non abbiamo potuto godere della magnificenza delle famose colline della città, tuttavia l’atmosfera grigia ma luminosa che del resto caratterizza il clima inglese ci ha regalato un bel pomeriggio di relax a zonzo per le strade della città. La città e’ colma di eleganti lussuose abitazioni che, in sinergia con i frequenti abeti, producono una atmosfera quasi fiabesca.

Parere degli autori:

A nostro parere questa giornata è stata molto particolare, poiché, il brutto tempo avrebbe potuto rovinare la tebella di marcia. Tuttavia la presenza di un gruppo solido e unito come il nostro e di una città così particolare ha reso il tutto piacevole e interessante.

Ciò che ti è piaciuto di più:

A nostro parere è la cattedrale di Malverne, attraverso i suoi rosoni colorati, i muri perimetrali e le volte in stile gotico e infine il giardino quasi spettrale con lapidi in pietra e conifere.

Pietro e Riccardo

 

12 luglio

Oggi, nella fredda mattina del 12 luglio, siamo partiti per Oxford, città di circa 150.000 abitanti ,della contea di Oxfordshire, dove ha sede l’università più antica del mondo anglosassone.
Una volta giunti a destinazione ci siamo incamminati verso la zona universitaria della città visitando la “Bodleian library”, “the bridge of sighs” ( riproduzione del ponte dei sospiri di Venezia ) per poi arrivare al college ” Christ Church” dove ci siamo fermati per mangiare i nostri pranzi. Dopodiché abbiamo avuto due ore di tempo libero spese, dalla maggior parte di noi, per comprare le famose felpe di Oxford. Al termine di queste due ore, dividendoci in due gruppi, abbiamo visitato il Ballion College del quale abbiamo visto la mensa,  luogo dove fu girato una scena di Harry Potter, ed il giardino.
Purtroppo la sorte non era dalla nostra parte e perciò non siamo riusciti a visitare il Museo Ashmolean poichè era pieno e perciò siamo ripartiti per Worcester.
Una volta tornati a Worcester siamo entrati nel pub “the Postal Order”, in Foregate st., dove abbiamo cenato con hamburgers e fish and chips e festeggiato il compleanno di un nostro compagno: Emanuele (auguri meme).
A nostro parere, oggi e’stata  una giornata molto piacevole anche se entrambi siamo d’accordo sul fatto che, essendo in un gruppo di amici, eravamo troppi distratti per cogliere l’immensa bellezza racchiusa nella città di Oxford.

Alessandro e Marc Eric 

 

13 luglio

Oggi 13 luglio abbiamo avuto, come di consuetudine, la lezione mattutina di inglese. L’argomento trattato è stata la musica. Prima abbiamo ascoltato e discusso di una canzone di Eric Clapton, che parlava della morte del figlio molto giovane. Nella seconda parte di lezione  abbiamo ascoltato le canzoni britanniche più famose, poi abbiamo fatto in coppie un gioco dove bisognava dire ognuno dieci diverse canzoni britanniche. Successivamente abbiamo pranzato e in seguito siamo andati a visitare il museo che si trova nell’Università, riguardante la medicina. Dopo abbiamo svolto la seconda parte del progetto iniziato al settimana scorsa, dove ogni gruppo doveva fare dieci domande a dieci abitanti di Worcester e successivamente fare una presentazione ed esporla alla classe. Siamo tornati a casa e la sera ci siamo rivisti in un centro sportivo dove abbiamo giocato o a pallavolo, o a badminton o a pallacanestro. È stata una giornata impegnativa ma a nostro parere molto divertente e anche interattiva. Dopo aver fatto le valigie vi salutiamo e andiamo a riposarci che domani sarà una giornata lunga e impegnativa.   

Jacopo C.
Francesco R.

I commenti sono chiusi.