Worcester 2° turno

16 luglio

Hallo everybody!
Da Worcester tutto bene! Il viaggio è andato benissimo e le nostre famiglie sono accoglienti e simpatiche.
Adesso ci accingiamo a svolgere il test di ingresso di inglese e speriamo vada bene!!
Intanto godetevi le nostre prime fotografie, a breve ne seguiranno tante altre.
Abbracci a tutti.

 

17 luglio

Ciao a tutti,

Ieri sera prima splendida serata tutti insieme al bowling! È stata una sfida entusiasmante nella quale abbiamo vinto un pò tutti!
Vi terremo aggiornati sulle prossime attività, intanto godetevi le nostre foto e la nostra allegria!

 

19 luglio

Bellissimo pomeriggio in giro per la città alla scoperta delle sue bellezze storiche ed artistiche, come la Tudor House la quale ci ha permesso di fare un vero e proprio tuffo nel passato!
Seconda tappa è stata la Fire Station, all’interno della quale i suoi valorosi pompieri ci hanno mostrato gli attrezzi da lavoro e le pratiche di sicurezza da seguire in caso di incendio.
Per finire in serata ci siamo dedicati allo sport all’aria aperta: bellissima serata tutti insieme, da rifare a breve!
Un saluto a tutti da Worcester!!!

 

20 luglio

Hello friends,
Ieri pomeriggio abbiamo visitato Birmingham, dopo Londra la piu grande città inglese. Abbiamo visitato la meravigliosa Library, la spettacolare vista che il suo tetto offre e il canale che percorre la città.  Inoltre abbiamo avuto l’opportunità di trascorrere del tempo nel museo cittadino, in cui abbiamo imparato molto sulla storia della città, fatta di immigrazione e rivoluzione industriale. 

Insomma una città viva e ricca di storia, in perfetto stile inglese!

 
Worcester è una bella città, ricca di luoghi suggestivi e di intrattenimenti. È molto piccola, ma interessante. L’esperienza passata finora è stata davvero molto divertente e istruttiva…ieri siamo stati a Birmingham, siamo partiti dalla stazione dei treni di Worcester e appena siamo arrivati mi ha colpito subito il centro molto trafficato, ricco di monumenti e di negozi. Ci siamo divisi in due gruppi e siamo entrati nel museo e nella galleria d’arte. Era divisa in più sale tutte ricche di intrattenimenti differenti e ognuna con uno stile artistico diverso: c’erano statue, quadri, animali imbalsamati  (di cui mi è piaciuta molto la lince che gioca con una piuma) e pannelli in cui era possibile, tramite un telefono e una voce registrata, imparare la storia della città e delle sue principali attrazioni. Usciti dal museo siamo andati alla libreria di Birmingham fornita di una moltitudine di libri. Siamo saliti sul giardino segreto dal quale era possibile avere una visuale completa e molto bella di tutta Birmingham  e dintorni. Poi siamo andati a fare un giro sul canale ricco di battelli e ponticelli, ci siamo lasciati davanti alla statua di un toro per trascorrere due ore di tempo libero che abbiamo usato per fare shopping e bere qualcosa da Starbucks.  Siamo ripartiti per Worcester verso le sette, il viaggio di ritorno è stato lungo ma divertente. […] Per ora questa è una delle esperienze che porterò con me  a vita, è utile per migliorare l’inglese, fare nuove amicizie, conoscere nuove usanze e un nuovo paese.

Manuel B.

23 luglio

Ciao a tutti,
oggi vi raccontiamo delle nostre escursioni di sabato alla fattoria Mary Arden’s Farm, una ricostruzione di un’antica fattoria del XVI secolo, riadattata a fattoria didattica in cui abbiamo realizzato diverse attività all’aria aperta molto divertenti!
Poi ci siamo spostati a Stratford Upon Avon, una cittadina bellissima famosa per essere la città natale di William Shakespeare. Purtroppo il tempo è stato poco clemente con noi e la pioggia ha in parte rovinato la nostra gita, solo in parte però!!
Godetevi qualche foto di questa escursione bellissima e alla prossima!

 

24 luglio

Carissimi tutti,
Ieri abbiamo visitato il palazzo comunale, dove il Mayor ci ha accolti con tante spiegazioni sulla storia della città di Worcester.
In serata tanti simpatici inglesi ci hanno invece insegnato a giocare a bocce su un bellissimo prato inglese. Tutto è andato secondo i piani, ci siamo divertiti e continueremo a farlo!
See you soon!

 

La vita in famiglia non è mai semplice.
Quando poi, non si è nella propria, le cose si complicano maggiormente. Vivere per due settimane con qualcuno di sconosciuto, e che non parla la propria lingua, è sicuramente qualcosa di complesso che non tutti sono pronti ad affrontare. Condividere tutto: bagno, salotto, cibo e a volte anche un letto, è un’esperienza complicata, specialmente per chi non è abituato.
Tutto inizia con un semplice “hello” quando ci si incontra per la prima volta. Ognuno sta immaginando qualcuno, ma in quel momento le emozioni sono tante e non si sa mai su quale concentrarsi.
Poi, da quell’ istante, tutto inizia.
Vedere per la prima volta la nuova casa è sempre strano: non si sa mai cosa aspettarsi, nonostante ognuno abbia delle speranze. Si iniziano a conoscere le persone che chiamiamo “family”, a volte si tratta di una signora o un signore anziano, altre volte di una famiglia al completo, chiunque decida di ospitare, è qualcuno pronto a mettere a disposizione sè stesso, il proprio tempo e la propria dimora. Qualcuno che poi, giorno dopo giorno, inizia ad affezionarsi e ad interessarsi davvero della giornata dell’ospite, che si incuriosisce e vuole scoprire qualcosa di più sulla provenienza e sugli usi e costumi della persona che ha di fronte.
A volte si possono riscontrare disguidi, causati dalle differenze culturali o dalle differenze linguistiche ma, alla fine si trova sempre un modo per capirsi e risolvere la questione.
Nonostante tutte le difficoltà, vivere con sconosciuti per 14 giorni ne vale assolutamente la pena.

Giada P.

 

26 luglio

Ciao a tutti,
Oggi vi raccontiamo dell’escursione sul great Malvern e della visita ai college di Oxford, una delle città universitarie più importanti ed antiche del mondo!
Due gite meravigliose, durante le quali abbiamo imparato tanto e ci siamo sentiti dei perfetti cittadini  del mondo!
Date uno sguardo alle nostre fotografie bellissime e sentitevi per un attimo parte del nostro gruppo!!

 

27 luglio

Questa è la mia prima esperienza di viaggio all’estero in famiglia e mi sto trovando abbastanza bene. Secondo me è una bella opportunità che offre il Comune di Bologna e va sfruttata.
Una vacanza studio è molto diversa da un soggiorno in college e forse è più impegnativa. In famiglia bisogna adeguarsi alle loro abitudini, come ad esempio l’orario dei pasti, che per me è abbastanza difficile da capire. Inoltre è possibile capitare in famiglie che abitano lontano o vicino dalla scuola o dal centro della città, nel caso in cui la famiglia abita lontano dal centro della città secondo me può essere scomodo, ma ognuno deve cogliere i pregi e o difetti di una famiglia.
Questo è il mio primo anno perché negli anni passati non ero molto attratto dal soggiorno in college.
Credo di voler ripetere questa esperienza nei prossimi anni, mi piacerebbe molto andare in Australia con il Comune di Bologna.

Eugenio

 

Tetti fra le nuvole, aria che si respira
nessuna partita
Pioggia, sporco, odore di vita.

Leonardo A.

 

Caro Diario,
Sono in treno di ritorno da Birmingham.
Di fianco a me una signora con i capelli raccolti in chignon legge un libro.
Sporgendomi verso il corridoio del treno riesco a vedere un quarantenne sovrappeso che annuisce ascoltando Bianca, assorto in una conversazione che poi scoprirò essere nata da un arcobaleno. Di fianco a lei, Riya ascolta la musica proprio come me.
Gli altri parlano, ridono. Ed io imparo ad apprezzare uno di quei rari momenti di solitudine che costellano un viaggio.
I paesaggi che vedo nel finestrino sono inglesi, la signora di fianco a me è inglese, il libro che sta leggendo è in inglese, eppure non riesco ancora a convincermi di essere in Inghilterra. So che casa mia è lontana, ma non mi sento distante. Forse perché “casa” non è necessariamente un edificio, una città, la famiglia o gli amici. È qualcosa di più intenso e nascosto in ognuno di noi, una sensazione di sicurezza. Ed è così che mi sento. Bianca sta ancora parlando, il quarantenne sta ancora annuendo, gli altri stanno ancora ridendo. Ed Io, da sola, in un vagone pieno di persone, in Inghilterra, mi sento a casa.

Francesca P.

 

28 luglio

Ciao a tutti,
Eccoci qui! Ulrima serata trascorsa insieme alle nostre famiglie ospitanti in attesa di ricevere i Certificati di lingua!
Ci vediamo a Bologna!!!!

WorcesterII 8

 

I commenti sono chiusi.