Edimburgo, Scozia 1995

Visita in distilleriaC’è chi scopre se stesso, in un viaggio…e vi sembra poco?

“Non so se tutto ciò che scriverò interesserà ai lettori, ma credo che sia la cosa più bella che mi potesse succedere, cosa ho scoperto? Ho scoperto me stessa, cosa molto semplice, vero? Non capisco per quale misterioso motivo dopo 18 anni di vita che ho trascorso, abbia scoperto me stessa proprio ad Edimburgo, probabilmente perché ho vissuto in prima persona tanti avvenimenti che mi hanno resa più responsabile delle mie azioni”.

“Ora che tutto sta per terminare, mi sto rendendo conto che vivere in maniera diversa dall’usuale vita che si conduce in Italia non significa vivere male, ma semplicemente possedere altre concezioni nei riguardi del cibo, del tempo libero, delle persone che ti circondano…”. (Erika, 18 anni)

“Eh sì! Ora giunti al termine di questa magnifica avventura vissuta tra gli incantevoli paesaggi della Scozia, è venuto il momento di tornare a casa e riprendere la solita routine di vita con la vecchia famiglia separandomi così dalle due dolcissime bimbe con le quali ho vissuto queste tre settimane e che ormai sono parte di me. Anche il rapporto con i genitori è stato fantastico: si sono interessati quotidianamente alle mie escursioni, si sono mostrati sempre molto disponibili riponendo in me quella fiducia che non avrei mai pensato di ottenere dal momento che mi consideravo semplicemente un’ospite, un termine che comunque credo quasi che non mi si addica proprio, poiché sottolinea un distacco che in fondo non è mai esistito”. (Sara, 18 anni)

L’atmosfera scozzese non è niente male, anche se è stata dura abituarsi al suono continuo delle cornamuse e alle centinaia di persone che continuamente in ogni angolo delle strade ci fermavano con l’intento di darci un volantino pubblicitario”. (Rita, 17 anni)

Nuovi colori, vestiti tradizionali e alternativi, cose misteriose e affascinanti, musica di ogni tipo e presente in ogni luogo e…tanti italiani: è questo il volto di Edimburgo“. (Alessia, 14 anni)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *