Exeter, Inghilterra 2000

Impressioni da Exeter…

Finalmente sono riuscita ad entrare in questo mondo per me sconosciuto ed ora vi scriverò. Percorrendo le tortuose strade con il pullman, salendo e scendendo da esse, dal finestrino si può capire come sia meravigliosa la parte di terra che stiamo scoprendo. Da entrambi i lati, eterne distese di prati verdi costeggiano la nostra strada, pecore e mucche pascolano insieme nel loro habitat naturale, nel cielo splende il sole e all’orizzonte si scorge il mare. Tutto scorre velocemente e il tempo per ammirare tutto ciò è breve. Per fortuna che esiste l’immaginazione e così… provo a fiutare il delicato profumo dei fiori e dell’erba ancora umida, ascolto il soave canto di un uccellino appollaiato su una bianca staccionata e provo con lui a fischiettare; il vento scuote le foglie degli alberi e ancora più lontano odo lo sbattere ritmato delle onde sugli scogli del mare ma, purtroppo, i miei occhi si chiudono e il sonno diventa mio amico.” (Maria Chiara)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *