Dublino, Irlanda 2003

Irlanda, terra di colline verdeggianti e di musica… i ragazzi ci raccontano le loro impressioni.

Mare“Salve a tutti! Come va lì in Italia? Qui tutto alla grandona: il ritmo è un po’ frenetico (corri di qua, guarda di là, vai su, torna giù…) anche perchè ci hanno dislocati in mezza Dublino a qualche ora di autobus dal ritrovo del gruppo, ma nonostante questo non perdiamo occasione per divertirci! La mia famigliola non è poi tanto male (…ed io che all’inizio ero così titubante…), la host mummy è disponibilissima, inoltre ci sono due ragazze russe che ci stanno insegnando pian piano le loro abitudini. La città è veramente bella: piena di gente, con migliaia di negozi, strade lastricate per i pedoni, persone che suonano ad ogni angolo…proprio come me l’ero immaginata. Bene per ora ho concluso… mi aspetta la visita al Trinity College! Ciao ciao” (Barbara)

“Qui al college grazie alla presenza di ragazzi provenienti da nazioni differenti vi è la possibilità di entrare in contatto con numerose culture e, per coloro che studiano anche altre lingue, è un’occasione perfetta per migliorare sia queste che, ovviamente, l’inglese. Si ha quindi l’opportunità di crearsi tanti nuovi amici con cui poter rimanere in contatto per molto tempo, anche dopo la vacanza. E’ un’esperienza unica che consigliamo a tutti coloro che amano viaggiare e scoprire nuove culture.” (Chiara e Micol)

La musica e l’Irlanda sono un binomio inseparabile. In ogni strada del centro di Dublino si trova sempre qualcuno che suona e ciò è fantastico! Si possono sentire i generi più disparati: musiche tipiche irlandesi, Beatles, metal… e sono tutti veramente bravissimi. Credo di avere passato ore a guardarli, incantata e completamente rapita dalle loro note. Temple Bar e Grafton Street ogni pomeriggio e sera sono i posti dove trovare i gruppi più interessanti e in ogni angolo si accumulano decine e decine di persone: dei veri e propri concerti, insomma! Anche le musiche irlandesi, accompagnate dalle danze tipiche, sono un’esperienza da provare assolutamente! Una sera abbiamo avuto la fortuna di assistere ad una di queste esibizioni ed è stato esilarante, anche perché siamo stati coinvolti anche noi nelle danze e nei canti. Un’altra cosa che ho apprezzato molto è che nelle 15 ore di lezione settimanali la scuola avesse previsto un’ora di musica per tutte le classi. Ci siamo divertiti follemente a cantare con più o meno serietà alcuni dei grandi classici della storia della musica, che, ovviamente, sono diventati la colonna sonora di tutta la vacanza! … so “we are the champions, we are the champions…”” (Chiara)

“Sono stata definita da un mio compagno di viaggio “una amante del verde, beh! Allora sono proprio nel posto giusto, mi sono detta, infatti, il verde è presente e predominante nelle più svariate tonalità. Appena fuori dal centro di DuCampagna irlandeseblino si presentano alla vista numerosi parchi, talvolta adibiti a match di “Gaelic” altri impiegati per partite di golf, intervallati da gruppi di villette a schiera le cui vie sono rallegrate dalle risate e dalle corse dei bambini scesi in strada per giocare con gli amici. Salendo un po’ di quota si possono vedere rigogliose collinette la cui base è ricoperta da boschi di conifere e la vetta è piena di erbetta ed erica fiorita. Le passeggiate tra questi caratteristici paesaggi sono molto suggestive, soprattutto quando giunti in cima ad una vetta vedi il mare praticamente sotto ai tuoi piedi.” (Barbara)

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *