Scarborough, Inghilterra 2003

Non l’avrei mai creduto possibile, ma invece…

“Non avrei mai creduto che avrebbe piovuto soltanto un pomeriggio (e solo per 10 minuti!). Non avrei mai creduto che avrei mangiato così tante patatine fritte, dolciumi, merendine varie tanto da farmi dire che non li toccherò più almeno per un anno!
Non avrei mai creduto che il tovagliolo fosse una cosa sconosciuta e che chiedere un bicchiere d’acqua al posto del succo di lampone ultra dolce-quasi-stomachevole fosse un’eresia …Non avrei mai creduto che bisognasse mostrare il biglietto dell’autobus all’autista tutte le volte che sali e, soprattutto, non avrei mai creduto che quando l’autista mi chiese di ritirare il mio biglietto dall’apposita macchinetta mi si sarebbe strappato a metà … con relativi sguardi perforanti dei passeggeri intorno a me … (qualcosa mi dice che ho fatto una figuraccia … chi, io?!). Non avrei mai creduto che gli inglesi fossero così cordiali perché molti dicono che sono freddi e distaccati, invece non è per niente vero!! Non avrei mai creduto che come regalo di addio, prima della mia partenza, la mia famiglia mi avrebbe offerto una fantastica, gustosissima cena nel loro più tipico ristorante locate: Mc Donald’s! Non avrei mai creduto che i gabbiani fossero un serio pericolo per l’incolumità delle nostre … teste (soprattutto la mia e quella di Marco). Non avrei mai creduto di trovarmi così bene nella mia famiglia inglese e soprattutto non avrei mai creduto che sarei riuscita a sopravvivere con due bambini piccoli … ma la cosa più straordinaria è che penso proprio che mi mancheranno!!! Di una sola cosa ero sicurissima, che sarebbe stata un’esperienza indimenticabile e che avrei conosciuto tanti nuovi amici … grazie mille!!!”. (Giulia)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *