Worcester, Gran Bretagna 2008

E cosa ci raccontano i ragazzi che partirono per Worcester?

Non dimenticherò la gentilezza, la simpatia e la disponibilità della mia host family e dei suoi amici, il fascino (e anche la diversità rispetto all’Italia) degli edifici, storici, e non, in Gran Bretagna, la simpatia dei ragazzi nelle scuole che abbiamo visitato, il gusto particolare del cibo, l’efficienza dei mezzi di trasporto, la pazienza, la disponibilità e la simpatia delle accompagnatrici e delle insegnati del luogo, la disponibilità della gente per le interviste e le domande.” (Leonardo)

La mia nuova famiglia è semplicemente…favolosa! All’inizio chiaramente non ci trovavamo benissimo, sì erano carini ma io non apprezzavo ancora il cibo, l’orario…Dopo la prima settimana, tutto a gonfie vele. La mia nuova famiglia è composta da altre due ragazze, una di 15 anni e l’altra di 18. Quando torno a casa da una serata con gli amici ci mettiamo tutte e tre nel mio meraviglioso letto a parlare delle nostre serate. Mentre sono ospite in questa casa hanno ospitato anche altre persone provenienti da altri paesi: America, Germania e Brasile. Alla mattina la colazione è molto abbondante e poi la madre prepara il packed lunch per tutta la famiglia. I primi giorni di scuola il padre mi accompagnava a scuola con l’autobus per farmi vedere la strada da fare ogni mattina. Questa nuova famiglia è spettacolare, in tutti i sensi! Spero di poter vivere di nuovo questa esperienza.” (Elena)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *