Worcester, Inghilterra 2009

Nel paese di Shakespeare e di Harry Potter, i ragazzi partiti a Worcester hanno avuto l’occasione di divertirsi…

Foto di gruppo“Dopo tanti giorni trascorsi in un piccolo paese come Worcester, l’impatto con una grande città qual è Birmingham, è stato emozionante e divertente. Le strade erano affollate da tante persone di diversa nazionalità, uomini con turbanti, donne coperte da capo a piedi, passavano davanti ai nostri occhi e si confondevano nell’enorme quantità di gente che affollava le strade, soprattutto quelle più importanti. Dopo aver visto la piazza principale con la fontana che gli abitanti hanno scherzosamente chiamato “floozy in the Jacuzzi”, ci siamo concessi una pausa culturale entrando al museo d’arte dove i più volonterosi hanno ammirato quadri di autori anche italiani tra cui: Botticelli e Guercino e, tra i più moderni, Modigliani e Morandi. Stanchi, ma felici ci siamo poi diretti verso il modernissimo centro commerciale chiamato Bull Ring. Anche se non abbiamo capito il motivo di questo nome, di certo c’erano centinaia di negozi affollatissimi verso cui ci siamo diretti prontamente non appena le group leader ci hanno lasciato finalmente liberi di scorazzare nella zona. Al ritorno tenevamo tra le mani tanti pacchetti: sembrava fosse Natale! D’altra parte era impossibile resistere a tutte quelle tentazioni! Il ritorno in treno è stato abbastanza silenzioso anche se alcuni di noi hanno complottato per organizzare la serata…..l’ultima ….sigh!” (Natascia)

Siccome alcuni di noi non avevano fatto programmi con le famiglie ospitanti, le Group Leaders hanno organizzato una visita alla città natale di Shakespeare: Stratford-upon-Avon. Dovete sapere che da Worcester, la domenica, passa un autobus che porta direttamente alla città del Poeta e così, armati di entusiasmo e con qualche frase di Romeo e Giulietta nella mente oltre al k-way, siamo partiti alle 9:45. Stradford-upon-Avon ci ha accolto con il sole. Abbiamo visitato la casa natale di Shakespeare, facendo anche la Shakespeare Experience e siamo poi stati alla Chiesa in cui è sepolta tutta la sua famiglia oltre che lo stesso Poeta. Ci siamo emozionati molto. La giornata è poi trascorsa tranquilla, pasteggiando in uno dei parchi che costeggiano l’Avon e girando per la città, nell’attesa di riprendere l’autobus per il ritorno e ritrovare le nostre famiglie ospitanti. Attendiamo ora il racconto di chi non ha partecipato: siamo curiosi proprio di sapere cosa hanno fatto… (Natascia)

“La prima meta della nostra gita a Oxford è stato il Christ Church College, famoso perchè alcuni suoi ambienti sono stati utilizzati per il set del film di Harry Potter. Con emozione abbiamo salito la scala che è stata lo scenario di tante avventure cinematografiche. Quando siamo arrivati in cima abbiamo riconosciuto il refettorio del mago più famoso del mondo, anche se, nella realtà, l’ambiente è un pò più piccolo di quanto appaia nel film. Abbiamo poi visitato la cattedrale ed infine ci siamo concessi un po’ di riposo sdraiati sul prato di fronte al college. Dopo tanta pioggia finalmente un bel sole è sbucato tra le nuvole. Ma le nostre group leader ci hanno dato solo poco tempo per goderci i tepori estivi perchè la nostra visita guidata ad Oxford prevedeva anche la ArcereBodleian Library e il Covered Market. Dopo questo pellegrinaggio finalmente siamo stati liberi di darci allo shopping sfrenato. Al ritorno ci siamo fermati a Broadway che è un caratteristico paese inglese le cui case sono costruite con un materiale locale color miele che, alla luce del sole brilla come fosse d’oro. Dicono che sia il paese più fotografato di tutta l’Inghilterra ed anche noi abbiamo contribuito a mantenere questa fama.” (Natascia)

Per saperne di più, visitate il blog del soggiorno a Worcester!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *