Galles – Denbigh

Giacomo e Gabriele scrivono: Denbigh è una piccola, carina, e accogliente cittadina immersa tra colline verdi. Le case sono graziose e colorate e le persone gentili. Inoltre ci sono le rovine di un castello medievale.
Elisa e Matilde scrivono: Mercoledì 2 luglio siamo andati a Chester. Abbiamo visto l’anfiteatro romano, la cattedrale e abbiamo fatto un breve giro della città.Poi abbiamo avuto 1 ora di divertimento per girare o per fare acquisti.Questa gita è stata molto bella e ci siamo divertiti. Non vediamo l’ora di andare a Liverpool!
Leticia e Giorgia T. scrivono:
La gita a Liverpool è stata fino adesso la più bella. Appena siamo scesi dal pullman abbiamo visto i palazzi immensi della città. Quando siamo arrivati siamo andati a fare shopping, abbiamo mangiato e dopo siamo andati a vedere il museo dei Beatles. Alla fine siamo ritornati stanchi a Denbigh.

Pietro e Matteo scrivono:
Sabato mattina siamo partiti per Liverpool. Abbiamo subito notato che si trattava di una bellissima città. Siamo andati al centro commerciale dove siamo rimasti 2 ore a fare acquisti. A me e Matteo sono piaciuti molti gli store del Liverpool e dell’Everton. Dopo pranzo ci siamo recati al museo dei Beatles dove abbiamo potuto apprendere la storia del complesso.

Francesco dice:
Questa gita è stata molto bella, soprattutto i due viaggi con il pullman che sono stati esilaranti. Per quanto riguarda i negozi, sono soddisfatto degli acquisti fatti e sono molto contento di aver potuto vivere questa esperienza (la città è pulitissima e molto modernizzata)
La sera..wacky races!Caterina e Martina scrivono: l’attività serale è stata divertente. Abbiamo fatto dei giochi di squadra all’insegna del divertimento. Erano piuttosto difficili e ci abbiamo messo tutte le nostre energie. E’ stato molto divertente perché abbiamo potuto interagire con ragazzi di altre nazionalità.
Arianna e Angelica scrivono: lo staff ha preparato una gara a squadre con giochi un po’ imbarazzanti, ma divertenti. Per la maggior parte dei giochi si correva fino ad un birillo e si tornava indietro, ottenendo un punteggio in base alla posizione di arrivo. Le variazioni erano tante: correre con un pallone tra le gambe, palleggiando o facendo rimbalzare una pallina da tennis sulla racchetta.
Carlotta e Giorgia M. scrivono: gli sport che facciamo al college sono molto divertenti e competitivi, molto diversi da quelli italiani. Sono adatti sia per grandi sia per piccoli, per questo partecipano tutti. Speriamo che rimangano sempre così! Venite qui, vi assicuriamo che non ve ne pentirete! 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *