Inghilterra – Worcester I turno

Worcester è capoluogo dell’omonima contea dell’Inghilterra centro-occidentale dall’aspetto prevalentemente rurale. Città di 100.000 abitanti, a 40 Km da Birmingham.
Nostra meta da oltre venticinque anni, è particolarmente indicata per giovani alla prima esperienza di soggiorno di studio in famiglia. Le attività sportive previste sono: calcio, rounders, bowling e green bowling. Le escursioni in programma prevedono un trekking nelle Malvern Hills, l’area collinare che caratterizza la regione, la visita ad Oxford e, nel primo turno, a Cheltenham e Tewkesbury, dove assistere alla tradizionale rievocazione storica della Medieval Battle; nel secondo turno questa escursione sarà sostituita con una giornata a Stratford-upon-Avon e alla Mary Ardan’s Farm.

Ciao a tutti.
ecco le prime impressioni da Worcester 🙂
Giovedì 2, abbiamo iniziato con un piccolo test di screening linguistico per inserirci nelle varie classi di livelli diversi. Al pomeriggio abbiamo fatto una passeggiata per la città per iniziare a conoscerla.
Venerdì, il primo giorno di scuola e nel pomeriggio “Worcester Quiz” che ci e’ piaciuto moltissimo anche se spesso le persone non riuscivano a risponderci. Questa attività consisteva nel girare per Worcester e, attraverso interviste e domande alla gente per strada, andare alla scoperta di luoghi particolari del posto. Al pomeriggio siamo andati a giocare a Green Bowling al parco e, grazie a due allegri anziani che ci hanno insegnato questo sport sconosciuto in Italia, ci siamo molto divertiti!
Sabato 4 siamo andati a fare una gita a Oxford: la città medievale con più di 30 University College… peccato non essere riusciti ad entrare dentro per visitarli. La città è veramente magica e, anche se in poche ore, abbiamo potuto ammirare le sue numerose bellezze.
Oggi passiamo la domenica tutti presso la nostra Host Family conoscendo meglio i nostri “parents, brothers and sisters”.

Ecco le foto dei primi tre giorni (2 – 3 – 4 Luglio) fra passeggiate, english lessons al Campus della “Business School University of Worcester”, interviste per le strade della città, serata al Green Bowling (bocce su prato) e l’escursione a Oxford.

A presto con i diari dei ragazzi 🙂
le group leaders, Elena e Antonella

1°diario
Caro diario,
ormai sono cinque giorni che siamo arrivati e abbiamo avuto modo di ambientarci a casa e a scuola. La famiglia che ci ospita è davvero molto accogliente e ci fanno sentire come se ne fossimo parte, il che è inaspettato, ma molto apprezzato. Domenica, ad esempio, ci hanno portato a visitare uno dei loro posti preferiti e abbiamo preso il thè tradizionale in un cafè storico della città. In più, abbiamo anche conosciuto i loro figli tramite una video chiamata e i nonni, che sono venuti a farci visita, con cui abbiamo giocato a freccette. Anche il cibo è ottimo! Per questo, fino ad ora, è stato semplice vivere insieme a questa adorabile famiglia.
Laura e Marianna

Lunedì 6 luglio. Abbiamo visitato “The infirmary museum” all’interno dell’Università. L’edificio è, infatti, un’ex ospedale, uno dei primi e più importanti centro ospedalieri del sud della Gran Bretagna dell’800. E’ stata un’esperienza molto interessante e interattiva e ci siamo divertiti anche a provarci i vestiti dei medici e delle infermiere dell’epoca 😉 Alla sera, invece, abbiamo provato a giocare a rounders, una sorta di baseball rivisitato.

2° diario
Il tempo sta passando veramente in fretta! Ogni mattina abbiamo lezione, non fatevi ingannare dalla parola perché non stiamo parlando delle solite lezioni noiose a cui siamo abituati in Italia. Qui le teachers fanno di tutto per farci divertire e allo stesso tempo impariamo moltissime cose. Al pomeriggio facciamo varie attività. Ieri, ad esempio, abbiamo visitato “The infirmary museum” che consiste in un interessante museo interattivo sulla medicina ed è situato all’interno dell’Università in cui svolgiamo le lezioni.
Olivia e Chiara

3° diario
“Sei il senso che ho dato a questo mondo sbagliato” [Cit.]
E’ proprio vero che gli incontri migliori si fanno per caso e questo viaggio ne è la prova. Abbiamo conosciuto persone meravigliose a cui abbiamo iniziato ad affezionarci sul serio e non c’è cosa più bella del vedere nascere da nulla, come in un bellissimo fiore, un legame che col passare dei giorni è diventato sempre più forte. Un grosso  grazie a questo viaggio perché ci ha dato l’ooportunità di crescere come persone, oltre che come studenti. Un grazie più grande va a te, compagna di famiglia e di vita […]. Hai reso questa esperienza ancora più bella del previsto. Grazie anche a tutti gli altri: compagni, ormai amici, accompagnatrici e prof. inglesi per aver stampato un sorriso sulla faccia di due fanciulle.
Martina e Asia

Martedì 7 luglio. Dopo il corso di inglese, abbiamo visitato il “City Museum” e il “Guildhall”, il palazzo del sindaco, dove abbiamo incontrato anche il primo cittadino per rendergli omaggio dal Comune di Bologna. Il sindaco ci ha accolto nel suo ufficio ed è stato veramente gentile a farci da Cicerone nel palazzo storico di Worcester.

Ecco le foto delle due giornate.

Mercoledì 8 luglio. La visita alla Tudor house, passeggiata al fiume di Worcester, il bowling e il compleanno a sorpresa per Asia e Danilo!

Giovedì 9 luglio
Escursione alle Malvern Hills. Oggi, dopo la scuola, siamo andati col treno appena fuori Worcester. Dopo tanta fatica – e qualche chilometro in salita – abbiamo raggiunto le colline più elevate e trascorso un piacevole pomeriggio soleggiato in mezzo alla natura, ad ammirare un paesaggio collinare meraviglioso e immensi prati verdi.

4°diario
“L’escursione alle Malvern Hills”.
Una delle cose più belle che abbiamo visto in questo viaggio in Inghilterra sono state le colline appena fuori Worcester. Con i loro 425 mt di altezza le Malvern Hills sono perfette per ammirare un paesaggio di straordinaria bellezza. Purtroppo, abbiamo trovato una giornata molto luminosa ma a tratti delle nuvole passeggere non ci hanno permesso di ammirare il Galles, al confine, e tutto il territorio della Worcestershire. Per arrivare in cima abbiamo attraversato  il paese di Great Malvern e vari sentieri che si snodano fra i boschi.
Leonardo e Giorgio

5°diario
Caro diario,
Worcester è una città piccola ma molto caratteristica. Ha tanti negozietti particolari e classici pub inglesi, uno è addirittura costruito dentro una chiesa. Appena arrivate ci aspettavamo una cittadina diversa invece, col passare dei giorni, ha superato le nostre aspettative: la cattedrale che si affaccia sul fiume, le stradine del centro storico… E’ molto rilassante la mattina girovagare per le sue strade deserte immerse nella quiete.
Vittoria e Beatrice

7° diario
“Sfatiamo gli stereotipi sugli inglesi”
da quando abbiamo deciso di andare in vacanza in Inghilterra tutti hanno cominciato a farci terrorismo psicologico sull’intera popolazione inglese: un branco di animali che non si lavano, non puliscono e non sanno cucinare e, tra l’altro, amanti della moquette. Armate di tutte le nostre paure siamo atterrate in questo barbaro paese. E beh, ormai siamo qui da più di una settimana e possiamo dirvi con certezza che la nostra esperienza ha sfatato tutti (o quasi) questi stereotipi. Nella nostra famiglia oltre ai genitori ci sono ben tre bambini piccoli e nessuno di noi avrebbe mai pensato che potessero avere camere così pulite e ordinate. Tra l’altro, si fanno la doccia più spesso di noi e, come se non bastasse, hanno anche il bidet! Sul cibo pensiamo sia sufficiente dire che torneremo in Italia con 20 Kg in più a testa, sempre se non esplodiamo prima. Infine, la moquette c’è, si, ma si limita alle camere e alle scale dov’è giusto che stia. Insomma, l’Inghiliterra non è un Paese poi così tanto rozzo e non possiamo nascondere che ci farebbe piacere ritornare.
Chiara, Matilde e Olga

Venerdì 10 luglio
Oggi dopo le lezioni con Jessica e Emily e dopo aver scritto qualche diario durante la pausa pranzo e aver giocato l’ennesima briscola siamo andati a visitare la “Worcester Fire Station”, il comando dei Vigili del Fuoco. Entusiasmante – starete pensando. Eppure i ragazzi si sono divertiti a usare idranti, provare tute termiche e ad ascoltare i pompieri raccontare con passione il loro lavoro.

Sabato 11 Luglio
Oggi abbiamo trascorso una tranquilla gita “fuori porta”. Siamo stati nel borghetto di Cheltenham, a spasso fra l’abbazia e lo shopping, e a Tewekesbury alla Festa Medievale dove orde di inglesi chiassosi e festaioli con abiti dell’epoca sfilavano per la famosa rievocazione e sceneggiavano perfettamente vicende storiche fra il tiro con l’arco, taverne e botteghe d’epoca, squilli di trombe, voli di falchi, cavalli, saltimbanco e armature.

8°diario.
“Il cibo è un problema? non per l’Inghilterra”
Rispetto alle esperienza passate nell’isola britannica, quest’anno l’ approccio con il cibo è stato migliore, grazie all’abilità e all’impegno della nostra famiglia: ci hanno sorpreso giorno per giorno con deliziosi piatti tradizionali. Grazie a loro abbiamo scoperto nuovi sapori e condimenti tra cui la famigerata: Worcestershire sauce, ricetta di cui vanno molto fieri. La varietà e l’unicità dei piatti a noi proposti ci ha sorpreso, ma non abbiamo sofferto la mancanza di piatti tradizionali come la English Breakfast e la English Roast Dinner. Neanche la pasta ha deciso di abbandonarci, ritornando sfortunatamente scotta. All’interno della cucina abbiamo trovato una tazza raffigurante Bologna e abbiamo assaggiato una rivisitazione del nostro ragù. Perciò l’Inghilterra, pur non essendo un paradiso culinario, ci ha sorpreso con uno dei suoi assi nella manica. 😉
Marco e Danilo

14 luglio. The end…Per la festa finale, organizzata alla biblioteca comunale, un edificio sostenibile e di alta qualità, abbiamo preparato primi, crostate e torte salate per ringraziare dell’accoglienza avuta durante il nostro soggiorno e, inoltre, abbiamo intonato tre canzoni a capella – con l’aiuto di una base di un cellulare 🙂 – per concludere in bellezza.

Gli ultimi giorni sono trascorsi velocemente e siamo tristi al pensiero di dover ripartire. Stanotte ci aspetta un lungo viaggio che si snoderà fra Birmingham, Amsterdam e, finally, Bologna.

Un saluto a tutti e grazie per le intense, divertenti e belle giornate trascorse insieme.”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *