“Starnberg Hauptschule”, Starnberg, Germania 2008

Un’iniziativa che dal 2008 continua ad essere attiva e presente: l’Istituto Comprensivo di Marzabotto ha infatti intrapreso uno scambio con la Hauptschule di Starnberg, in Germania, grazie al progetto “Hallo Freunde! How are you? Bene, grazie!”. Riportiamo qui di seguito diversi stralci e testimonianze dell’esperienza!

Deutsch, Italienisch, Englisch – Elf Austauschschüler zu Gast im Fünfseenland (Tedesco, Italiano, Inglese – undici studenti ospiti nella zona dei Cinque Laghi).

Starnberg – “Benvenuti Marzabotto”, così un manifesto preparato dagli studenti della scuola di Starnberg saluta gli alunni italiani per la prima volta in visita. Undici studenti della classe ottava ospitano per una settimana i corrispondenti di Marzabotto vicino a Bologna. Per questo la città di Starnberg ha offerto alla classe e ai suoi ospiti ieri un pasto “come si deve”. Un ricevimento pubblico ha dato il via. Il Sindaco Ferdinand Pfaffingen sottolinea la sua gioia per questo progetto.

Sebbene nella scuola media di Marzabotto il tedesco non sia tra le lingue insegnate, l’iniziativa relativa a questo scambio viene proprio da Marzabotto. L’insegnante italiana, l’accompagnatrice Daniela Fantuzzi, ha fatto partire il progetto l’anno scorso, perché voleva dare ai suoi alunni l’opportunità di imparare a conoscere la Germania. Attraverso la proficua collaborazione con il corpo docente, Angelika Brandl, Siegrid Albrecht e Renate Waltscheff, ha preso vita a novembre il primo scambio dalla Germania in Italia.

“Abbiamo cominciato già da allora a tenerci in contatto via lettera o e-mail”, racconta con gioia Daniela Fantuzzi. Tutto questo verrà consolidato da uscite, per esempio in montagna o nella città di Monaco. Poiché alla scuola di Starnberg non viene insegnato neppure l’italiano, gli studenti comunicano reciprocamente in inglese”.

Dalla Süddeutsche Zeitung, n. 289

“Di ritorno da Marzabotto: il primo scambio della Hauptschule di Starnberg”

Quando si fa un viaggio, poi c’è molto da raccontare, si dice nel linguaggio popolare. Questo capita agli studenti di Starnberg che nel contesto di uno scambio sono stati ospiti in Italia per una settimana. “Buonasera! Come stai?” Con queste parole hanno avuto il benvenuto in Italia undici studenti tedeschi. Il primo scambio per la scuola di Starnberg giunge proprio dalla richiesta dell’Istituto Comprensivo di Marzabotto. I giovani hanno avuto un programma molto ricco.

E’ iniziato tutto venerdì 11/11/2008 con una visita al Parco Storico di Monte Sole, alla Scuola di Pace e ad un monastero (Piccola Famiglia dell’Annunziata), dove agli studenti sono stati spiegati gli eventi del massacro dei civili durante la Seconda Guerra Mondiale. Il giorno seguente vi è stata un’escursione a Venezia con visite ad alcune bellezze della città lagunare. Al giovedì visita guidata alla città storica di Bologna. Gli alunni sono stati ospitati dalle famiglie dei ragazzi italiani e così hanno legato tra loro.

Le scarsissime conoscenze della lingua italiana non sono state un problema. “Abbiamo comunicato in inglese, con qualche parola in italiano e qualche gesto”, riferisce un’alunna. Per la visita degli studenti italiani nel prossimo mese di maggio, annunciano un altrettanto affascinante programma gli studenti di Starnberg: visite al lago, ai famosi castelli bavaresi del re o alle bellezze della città di Monaco. Allora gli studenti italiani saranno invitati a conoscere e a sperimentare le specialità della Baviera”.

Hallo Freunde, how are you? Bene, grazie! (Erika, Federico, Marta)

“Quest’anno, in novembre, abbiamo fatto un’esperienza fantastica! Grazie alla professoressa d’inglese, la Prof. Fantuzzi, abbiamo effettuato un gemellaggio con i ragazzi di Starnberg, una cittadina sull’omonimo lago, vicino a Monaco di Baviera, in Germania. Al lunedì sera, verso le 19, sono arrivati i nostri ospiti tedeschi, accompagnati dalle loro proff. Davanti alla scuola abbiamo fatto conoscenza e ci siamo avviati con loro nelle nostre case. Come previsto, inizialmente noi eravamo agitatissimi, ma alla fine siamo riusciti a divertirci per tutto il periodo di permanenza a Marzabotto.

Il giorno seguente siamo andati a Monte Sole, sui luoghi del Memoriale e alla Scuola di Pace, dove abbiamo parlato della strage e riflettuto sulla guerra. Dopo questa uscita abbiamo cominciato a parlarci e abbiamo provato a farlo in inglese, con qualche parola di tedesco. Alla sera, tutti insieme, gemellati e non, siamo andati a mangiare la pizza alla pizzeria “Casa Grande”. Il mercoledì siamo andati a Venezia, dove abbiamo visitato Piazza San Marco, il Ponte dei Sospiri e, infine, siamo saliti sul vaporetto con cui abbiamo fatto il giro della città. Il giovedì siamo andati a visitare la nostra Bologna! Abbiamo fatto le cose in grande: avevamo addirittura delle guide turistiche che ci hanno illustrato alcuni dei monumenti più belli della città (anche la guida in lingua!) e alla sera i nostri genitori hanno realizzato una festa bellissima con cena, giochi e balli per la festa d’addio agli ospiti tedeschi.

La mattina dopo li abbiamo salutati con un piccolo rinfresco a scuola, dove la maggior parte di noi studenti ha versato qualche lacrima. Malgrado i nostri amici se ne siano andati, abbiamo continuato a sentirci in questi mesi grazie alle e-mail. Questo non vuol dire che non ci vedremo mai più, perché tutti a maggio andremo a Starnberg: speriamo di divertirci quanto loro si sono divertiti qua da noi!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *