“Lycée Dumont d’Urville”, Tolone, Francia 2010

“Siamo gli studenti francesi del liceo Dumont d’Urville a Tolone e siamo a Bologna dal 22 al 31 Marzo per uno scambio con il liceo Laura Bassi. Facciamo parte del progetto COMENIUS su due anni che ha per temi la diversità culturale e siamo già al secondo anno. Per esempio studiamo l’università di Bologna e il suo museo, la commedia dell’arte, il fumetto in ambientazione Veneziana, il turismo a Firenze…

Noi e un nostro compagno lavoriamo sul tema dell’Università di Bologna e il suo museo. Infatti, l’università ci interessa perché è la più antica. Ieri, abbiamo potuto visitare il museo. Quello che ci è piaciuto di più è la ricostruzione del corpo umano in cera. Realizzeremo un film sul programma informatico “Movie Maker” con fotografie, musica, testi e video”.

Solène e Lisa

“Io e altri sei lavoriamo sulla tematica dei fumetti: disegniamo una storia che si svolge a Venezia dove c’è una band che deve fare un concerto rock, ma ogni musicista si perde in questa città. Alla fine tutto il gruppo si ritrova e fa il concerto. Andremo a Venezia e faremo delle foto dei monumenti e le useremo come modello per disegnare l’ambiente del nostro fumetto, per esempio, la piazza San Marco. All’inizio, ci siamo ispirati a Corto Maltese disegnato da Hugo Pratt perché si svolge a Venezia. Alla fine metteremo il nostro lavoro sul programma Movie Maker per aggiungere effetti sonori o musicali.

Vi spediremo il fumetto una volta pronto”!

Adrien Van der Yeught

“Io e una mia compagna facciamo parte del gruppo della Commedia dell’arte. Prima, abbiamo fatto qualche ricerca sulla Commedia dell’arte per capire come funziona. Dopo, abbiamo lavorato con la nostra professoressa di francese sui canovacci. Stiamo preparando uno spettacolo che dovremo presentare agli italiani quando verranno in Francia. Abbiamo inventato un canovaccio che rappresenta quello che è stato il nostro lavoro: due studenti che devono presentare un lavoro sulla Commedia dell’arte ma si rendono conto che è troppo difficile allora decidono di mettere in scena delle commedie come per esempio “I vecchi innamorati”, “I due innamorati”.
In realtà realizziamo il teatro nel teatro.

Anthony

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *