Scambi scolastici con il Mozambico

Bologna/Maputo, un viaggio oltre i confini dell’indifferenza
Questo è il titolo che alcuni insegnanti di Bologna hanno scelto per il programma di scambio scolastico con il Mozambico attivo dal 2006. Inizialmente promosso dalla Cooperazione Italiana a Maputo, dal 2008 è stato portato avanti  dall’Associazione YODA, grazie al contributo della Provincia di Bologna, del Comune di Bologna, di Interporto Bologna Spa, della Regione Emilia Romagna e dal 2011 grazie al contributo della Fondazione Del Monte.
Foto di gruppo in Mozambico
In questi anni le scuole di Bologna coinvolte hanno avuto la possibilità di realizzare durante l’anno scolastico:
progetti didattici finalizzati all’approfondimento di tematiche coerenti con il proprio curricula scolastico: ad esempio nel 2011 è stato coinvolto l’Istituto Aldrovandi Rubbiani di Bologna con le sezioni moda e grafica pubblicitaria. Le classi coinvolte hanno realizzato una collezione di abiti con le capulanas e un reportage fotografico sugli spazi urbani legati alla storia delle donne;
seguire incontri/seminari di conoscenza della storia e della cultura del Mozambico: le classi hanno incontrato la Prof. Anna Maria Gentili, fatto ricerche sul web, letto libri/romanzi e poesie di autori mozambicani, visionato film di registi mozambicani o che parlano del Mozambico. 
partecipare a viaggi di conoscenza a Maputo della durata di 2 settimane: gli studenti e professori italiani che si sono recati in Mozambico hanno la possibilità di conoscere meglio il sistema scolastico mozambicano, conoscere la cultura e la storia del Paese, seguire lezioni presso le scuole ospitanti;
accogliere a scuola e in famiglia delegazioni scolastiche mozambicane: gli studenti e professori mozambicani arrivati in Italia hanno avuto la possibilità di conoscere meglio il sistema scolastico italiano, conoscere la cultura e la storia di Bologna e di altre città limitrofe (Venezia, Firenze…), vivere in casa di famiglie italiane, seguire lezioni presso le scuole ospitanti.

A scuola in Mozambico

Le scuole secondarie di Bologna coinvolte nei viaggi di conoscenza sono state: il Liceo Copernico, l’Isart Istituto d’arte Arcangeli, l’Istituto Rosa Luxemburg, l’Istituto Aldrovandi Rubbiani.
Le scuole di Maputo coinvolte sono state: la scuola Noroeste 2 e l’ENAV di Maputo, in collaborazione con il Ministero della Cultura.
In occasione delle attività di accoglienza in Italia sono state coinvolte altre scuole in incontri di sensibilizzazione e informazione: Istituto comprensivo Saffi, scuola primaria Avogli, Facoltà di Lingue e Letteratura Straniera e la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Bologna.
Queste forme di partenariato scolastico sono un’opportunità straordinariamente interessante per lavorare alla scuola di domani, una scuola non autoreferenziale ma aperta al mondo che la circonda, che permetta agli studenti di formare un’identità planetaria, come sostiene E. Morin, e non solo europea. Il partenariato scolastico non solo può dunque mettere in rete due contesti molto lontani altrimenti privi di collegamenti, ma permette alla scuola italiana di praticare l’educazione interculturale e promuovere una pedagogia del dialogo, oggi necessaria. E’ anche uno strumento prezioso per poter attuare una pedagogia non solo interculturale, ma eminentemente interpersonale, perché come scrive Marco Aime a incontrarsi o a scontrarsi non sono culture, ma persone.

barca

Per maggiori informazioni:
Sito dell’Ass. Yoda con la descrizione del progetto:
http://www.gruppoyoda.org/index.php/Progetti/mozambico.html
Blog di viaggio scritto degli studenti italiani in Mozambico (2011 e 2012) http://viaggioamaputo.blogspot.it/
Video del viaggio realizzato nel 2011 con l’Istituto Rosa Luxemburg di Bologna
http://www.youtube.com/watch?v=kcafsXV7xxU&fb_source=message

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *