La nascita e la vita degli scambi raccontata da Doriana Bortolini

Qui di seguito vi proponiamo l’introduzione al volume di Doriana Bortolini, responsabile dell’Ufficio Giovani del Comune di Bologna e colonna portante di questo fondamentale servizio per i cittadini. Ma prima di tutto le parole di Larry Leifer con le quali Doriana apre il suo contributo. Parole che ci portano perfettamente nel valore degli scambi giovanili.

“L’innovazione è una danza dove si rischia di perdere l’equilibrio e l’unico modo di non farsi travolgere è mantenere, anche da adulti, quella creatività che si aveva da bambini”.
Larry Leifer

Il progetto scambi internazionali trae le proprie radici dalla vocazione di Bologna ad essere un punto di incontro, non già per la sua naturale collocazione, ma per avere, dal Medioevo, ospitato migliaia di studenti, collettori di tradizioni e idee. Humus straordinario per immaginare, progettare il futuro con l’obiettivo di offrire a un numero sempre più alto di giovani, senza distinzioni, esperienze di incontro, di apprendimento, di formazione, di partecipazione concreta, di ingresso a pieno titolo nelle istituzioni, di cittadinanza attiva. Nasce così il progetto scambi internazionali, un lungo percorso che ha coinvolto migliaia di giovani lungo le rotte più suggestive (si vedano i dati in appendice), che ha intrecciato luoghi e persone, che ha fatto conoscere la nostra città ovunque nel mondo. […]

Ci sono state di stimolo le scelte e gli ingredienti iniziali, la lungimiranza politica di chi progettò l’iniziativa già nel 1982: aperta a tutti, verso tutte le realtà internazionali e la sostenibilità economica del progetto poi trasformatosi in servizio; […]

Fondamentale è stato il ruolo di collaborazione a fianco delle istituzioni scolastiche, delle famiglie e delle altre agenzie formative; nell’iniziativa del Comune ci si è posti fin dall’inizio sul terreno dell’arricchimento e completamento della formazione dei giovani. Incontrandosi e frequentandosi secondo programmi attentamente predisposti, i giovani imparano a conoscersi meglio, premessa indispensabile per giungere al rispetto della lingua, della storia e delle tradizioni dell’altro, vincendo forme di pregiudizio, di intolleranza o peggio di razzismo. […]

A trent’anni dalle prime iniziative di viaggio abbiamo voluto ridare la parola a quei giovani protagonisti per comprendere il valore dell’esperienza compiuta in termini formativi e umani. Certamente le testimonianze che pubblichiamo rappresentano uno spaccato umano di grande valore e rilievo personale e sociale: un grande investimento di cui andare orgogliosi. […]

Occhi e orecchie aperte sono d’obbligo, condite con una buona dose di passione, entusiasmo, etica, senso dello Stato e continuare, continuare a tessere relazioni: i pacchi dono calati dall’alto non servono. […]

Soprattutto abbiamo voluto far evolvere le iniziative verso altre tipologie di scambio, abbiamo saputo cogliere quanto di positivo offrono le nuove tecnologie intese come strumento (non dimenticando mai che l’online e l’offline sono due facce della medesima medaglia); le decisioni, i problemi vanno affrontati attorno a un tavolo, guardandosi negli occhi […]

Tutto ciò non si sarebbe potuto realizzare se dal 2000, molto prima della grave crisi occupazionale di cui i giovani sono tra le principali vittime, non avessimo sperimentato il coinvolgimento diretto dei giovani nella produzione di servizi di informazione e comunicazione sul web. L’obiettivo era quello di coinvolgere i giovani stessi nel racconto, nella scoperta di quanto la città offre loro; valorizzando nel contempo le tante realtà culturali e giovanili di cui la città è ricca. Con questi giovani, molto spesso studenti fuori sede, volontari, giovani provenienti da altri paesi, nascono il network Flashgiovani, il portale Giramondo e il primo esempio di web tv pubblica Codec.tv. […]

I giovani portano freschezza di idee all’interno delle istituzioni, gli adulti competenze ed esperienza: dall’arricchirsi reciproco si sviluppano servizi che garantiscono accessibilità, qualità e rispondono agli interessi dei cittadini che ne saranno fruitori. Se è vero che è importante fare rete con le realtà del territorio per dare sostenibilità ai servizi, è anche vero e importante, all’interno dell’Amministrazione pubblica, amalgamare i servizi di prossimità per favorirne l’innovazione e la sostenibilità. […]

A fianco dei tradizionali servizi di informazione, orientamento e consulenza online e offline, all’Informagiovani Multitasking si sviluppano e integrano gli storici servizi di promozione della mobilità internazionale, della creatività artistica giovanile, il network Flashgiovani e la sua web tv Codec.tv. Un laboratorio aperto in permanente ebollizione, in cui giovani, associazioni, insegnanti possono incrociare progetti, sostenere iniziative, coinvolgere nuovi soggetti e nel contempo promuovere una forma di welfare che vede nella cultura, nell’orientamento, nell’accoglienza, nella coprogettazione in rete con associazioni, istituzioni scolastiche e mondo universitario nuovi orizzonti di sperimentazione, tanto più utili in momenti di disorientamento come quello che stiamo vivendo. […]

In tempi di carestia, il contadino saggio sa che si taglia su tutto ma non sulla semina. Che il viaggio intrapreso prosegua… alla scoperta di nuovi orizzonti, avventure, scenari al momento a tutti noi ignoti, attraverso tappe stimolanti e suggestive, perché “Il viaggio non soltanto allarga la mente ma le dà forma” (Chatwin).
Doriana Bortolini

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *